biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

HomepresentazioneFPFP19001 - L’”Età dei diritti” e la tutela giurisdizionale effettiva nel dialogo fra le Corti

FPFP19001 - L’”Età dei diritti” e la tutela giurisdizionale effettiva nel dialogo fra le Corti

logo

Il Comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura, allo scopo di favorire nella massima misura possibile la partecipazione dei magistrati alle offerte formative, ha deliberato di mettere a disposizione degli interessati alcuni posti per l’ammissione al corso di formazione territoriale denominato L’”Età dei diritti” e la tutela giurisdizionale effettiva nel dialogo fra le Corti, organizzato in collaborazione con la struttura di formazione decentrata della Corte di Cassazione e programmato presso la Corte stessa nelle giornate del 30 e 31 maggio 2019. Il corso FPFP – 19001, si propone di affrontare “a tutto tondo” la tematica dell’incremento di tutele imperniata sugli strumenti che assicurano una proficua e diretta cooperazione fra le Corti interne e sovranazionali. Il ricchissimo e composito sistema di protezione dei diritti, infatti, che muove dalla Carta costituzionale, dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, è senza dubbio modulato sull’idea che più tutele massimizzino la garanzia dei diritti dell’individuo. L’interprete deve allora fare i conti con una realtà variegata e complessa nella quale, non di rado, uno stesso caso è oggetto di esame da parte delle Corti nazionali, comprese le Corti supreme e quelle costituzionali, della Corte europea dei diritti umani e del giudice dell’Unione europea. In questo contesto, il “dialogo” fra le Corti è andato arricchendosi e complicandosi nel tempo, imponendo ad ogni giudice non solo di adempiere all’obbligo di leale collaborazione impostogli dall’art. 4 del Trattato ma anche di confrontarsi quotidianamente, nell’esaminare il caso concreto, con una serie di sfaccettature e di tutele un tempo inimmaginabili. Le due giornate di formazione intendono, dunque, offrire un ampio panorama degli strumenti a disposizione dell’interprete utili a raggiungere una massimizzazione delle garanzie, che passi attraverso le Carte vigenti e il contatto diretto con le Corti costituzionali ed europee, avuto riguardo anche alle più recenti forme di collaborazione fra Corti sovranazionali e Corti interne, supreme e costituzionali.

Il corso è riservato a 50 magistrati ordinari provenienti da tutto il territorio nazionale ad esclusione di quelli appartenenti al distretto di Roma. Gli interessati potranno formulare domanda di partecipazione con le ordinarie modalità telematiche, entro le ore 24 dell’11 maggio 2019. Nella redazione della graduatoria sarà data priorità ai magistrati che nel corso dell’anno non risultano ammessi a nessun corso, pur avendone fatto richiesta.Le ammissioni saranno comunicate agli interessati nei giorni immediatamente seguenti alla scadenza del termine. La graduatoria dei magistrati ammessi sarà comunque pubblicata sul sito istituzionale.

Il corso avrà inizio alle ore 9.00 del 30 maggio e terminerà alle ore 13.00 del 31 maggio (vedi programma) La Scuola ha già provveduto alle prenotazioni alberghiere per i giorni 29 e 30 maggio 2019

Per fare richiesta di partecipazione, dopo aver inserito nome utente e password, cliccare qui.

Per consultare la lista degli ammessi cliccare qui

Per consultare il materiale clicca qui

Go to top