biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

HomeFormazione permanenteFormazione permanente anno 2019FormazioneFormazione PermanenteFormazione Permanente anno 2019T19001 - Problemi attuali su riconoscimento ed esecuzione delle decisioni …

T19001 - Problemi attuali su riconoscimento ed esecuzione delle decisioni …

Il corso intende affrontare – con un approccio pratico, attraverso l’esame di casi della giurisprudenza della Corte di Giustizia, del giudice nazionale e di giurisdizioni di altri Paesi dell’Unione europea – dibattuti problemi relativi al riconoscimento e all’esecuzione transfrontaliera delle decisioni giudiziarie.

Si procederà anzitutto alla ricognizione delle principali fonti di diritto europeo in materia di cooperazione giudiziaria civile, a partire dal regolamento UE n. 1215/12 (cd. Bruxelles I-bis) sulla competenza giurisdizionale e il riconoscimento e l'esecutorietà delle decisioni in materia e dei regolamenti processuali cd. di seconda generazione, che hanno istituito procedimenti civili unificati per la tutela rapida ed effettiva di alcune categorie di diritti in tutto lo spazio giudiziario europeo. In particolare, un vasto dibattito in dottrina e giurisprudenza si è sviluppato intorno alle novità in tema di abolizione dell’exequatur, del trattamento dei giudicati contrastanti che derivano da ordinamenti diversi, delle garanzie processuali uniformi a tutela del contraddittorio e del diritto di difesa.

Particolare attenzione sarà riservata ai temi relativi alla circolazione internazionale dei provvedimenti nazionali a cognizione sommaria e del rapporto tra esecuzione forzata nazionale e nei Paesi terzi rispetto all’Unione europea. Entrambi i profili rivestono primaria attualità a livello internazionale, alla luce del nuovo progetto di Convenzione, in corso di definizione presso la Conferenza dell’Aja sul diritto internazionale privato, che introdurrà norme uniformi su riconoscimento ed esecuzione delle decisioni anche al di fuori dell’Unione europea (The Judgments Project).

Il corso si gioverà dei risultati delle attività svolte da un gruppo di ricerca dell’Università degli Studi di Milano nell’ambito del progetto internazionale «Informed Choices in Cross-Border Enforcement» - «IC2BE» (764217 — IC2BE — JUST-AG-2016/JUST-AG-2016-02), finanziato dalla Direzione generale Giustizia e consumatori della Commissione europea.


Caratteristiche del corso:

Area: civile
 

 

Organizzazione: Scuola superiore della magistratura - Struttura decentrata presso la Corte suprema di cassazione; durata: quattro sessioni (due giorni e mezzo); metodologia: mista (relazioni frontali, dibattito e eventuale tavola rotonda); numero dei partecipanti e composizione della platea: cinquanta magistrati ordinari in servizio presso distretti diversi da quello di Roma, oltre a magistrati ordinari ed onorari di quel distretto e della Corte di cassazione entro il numero e secondo i criteri di ammissione stabiliti con la Struttura organizzatrice.

Eventuali incompatibilità: nessuna.

Sede e data del corso: Roma, Sede della Corte suprema di cassazione, 6 marzo 2019 (apertura lavori ore 15.00) – 8 marzo 2018 (chiusura lavori ore 13.00).


 

Go to top