biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

HomeCollaboratori esterniCollaboratori esterni

Collaboratori esterni

 

Il regolamento, in particolare, disciplina la costituzione e l’iscrizione all’albo dei docenti, il suo periodo aggiornamento sulla base delle nuove disponibilità fatte pervenire, le modalità per la valutazione della capacità didattica e dell’apporto formativo di ciascun docente, tenuto conto anche del giudizio contenuto nelle schede compilate dai partecipanti ai corsi.

I collaboratori esterni della Scuola si distinguono in esperti formatori, docenti tutori (o tutors) .

Gli esperti formatori sono nominati in funzione del raggiungimento di un determinato obiettivo didattico, quali la programmazione di uno o più corsi nell’ambito di un anno didattico o di ogni altro evento formativo per il quale il Comitato direttivo ritenga opportuno procedere all’individuazione di uno o più esperti. Gli esperti formatori collaborano con i responsabili di settore nella determinazione del contenuto e delle metodologie dell’offerta didattica generale e dei singoli incontri di formazione rientranti nell’obiettivo didattico, nella individuazione dei docenti da proporre al Comitato direttivo, nella raccolta del materiale didattico, nel coordinamento dei corsi e in ogni altro compito loro demandato.

 

I docenti chiamati a svolgere attività di insegnamento presso la Scuola sono scelti dal Comitato direttivo anche su proposta dei responsabili del settore competente fra i nomi iscritti nell’albo, anche tenendo conto delle valutazioni eventualmente riportate in precedenza. Il Regolamento assicura una adeguata turnazione nel conferimento degli incarichi di insegnamento.

La figura del tutore è espressamente prevista dal d.lgs. n. 26/2006 con la funzione di assicurare l'assistenza didattica ai magistrati ordinari in tirocinio nella sessione presso la Scuola (art. 20, 3° co.). Il Regolamento prevede che i tutori siano nominati in misura tale da garantire un rapporto tendenziale di uno ogni venti magistrati in tirocinio; essi curano lo svolgimento delle attività formative, sia nella fase ordinaria che in quella mirata del tirocinio, anche mediante la gestione di seminari di approfondimento, esercitazioni pratiche ed altre soluzioni metodologiche.

 

Go to top