Elenco corsi Formazione Digitale

L’utilizzo di tecnologie informatiche e telematiche per il processo civile, rappresenta un cambiamento epocale che ha inciso inevitabilmente sulle modalità quotidiane di lavoro di tutti gli operatori della giustizia: giudici, avvocati, cancellieri ed ausiliari del giudice.
La tradizionale organizzazione del lavoro del giudice civile, ed a breve, anche del pubblico ministero per la gestione degli affari civili, cede il passo in favore dell’utilizzo di strumenti informatici come il software “consolle del magistrato”, un applicativo multifunzione, che consente la lettura dal registro elettronico di cancelleria degli atti in esso depositati, sia quelli di parte che dell’ufficio, permettendo la redazione, il deposito la sottoscrizione in firma digitale e l’archiviazione dei provvedimenti del magistrato.
Il processo civile telematico, in espansione progressiva - ormai obbligatorio per i giudizi civili innanzi ai Tribunali e Corti di Appello, ed in fase di sperimentazione negli altri uffici - è il risultato di norme processuali e tecniche in continua evoluzione, stratificate tra fonti primarie, secondarie e regolamentari, con rinvii anche a singoli provvedimenti per il dettaglio delle specifiche tecniche, ( Provvedimento del Direttore DGSIA - Direzione sistemi informativi automatizzati - del 16 aprile 2014 e successive modifiche) oltre che circolari ministeriali. Il tutto, regolato sullo sfondo, dal Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) che fa salve le disposizioni sul processo telematico in diverse disposizioni, e dal Regolamento EIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature) - Regolamento UE n° 910/2014 sull’identità digitale – che ha l’obiettivo di fornire una base normativa a livello comunitario per i servizi fiduciari e i mezzi di identificazione elettronica degli stati membri.
Tale impatto normativo, non ha soltanto modificato l’organizzazione del lavoro degli operatori; sono state infatti introdotte nuove figure giuridiche o allargati i confini di istituti già esistenti, come in tema di forma dei documenti e degli atti, comunicazioni e notificazioni a mezzo posta elettronica certificata, deposito telematico, firma digitale, domicilio digitale, copia digitale e duplicato informatico, attestazioni di conformità del documento telematico all’originale. Il tutto con una notevole ripercussione sulla dinamica del processo che ha offerto nuove sollecitazioni alle diverse elaborazioni dottrinali e giurisprudenziali segnate – non senza qualche criticità - dal passaggio dall’analogico al digitale.
Temi come il perfezionamento della notifica, il principio del raggiungimento dello scopo dell’atto processuale, elezione di domicilio, conformità di copia all’originale, regolarizzazione del deposito degli atti, remissione in termini, tra gli altri, sono stati necessariamente oggetto di rivisitazioni che tenessero conto delle peculiarità del processo civile telematico, non senza un vaglio critico che ha condotto alla remissione alla Corte Costituzionale della questione della legittimità costituzionale, della disciplina in ordine al “tempo” della notifica telematica.
La presente sottosezione intende fornire a tutti gli utenti una panoramica quanto più completa ed aggiornata dei contributi e dei materiali di studio che riguardano il processo civile telematico.
Un sistema di link reindirizzerà, poi, verso il sito istituzionale del Ministero della Giustizia ove poter raccogliere ulteriori informazioni, approfondimenti e materiali sull’argomento

Il progetto volto alla realizzazione del Processo Penale Telematico (PPT) è tuttora in fase di attuazione ed è un settore in continua evoluzione.

Vi è però una data certa che ha segnato l’ingresso ufficiale del “telematico” nel processo penale ed essa risale al 15 dicembre 2014, momento a decorrere dal quale le notificazioni a persona diversa dall’imputato si effettuano obbligatoriamente mediante lo strumento della posta elettronica certificata (PEC), e ciò in base ad una espressa norma primaria di riferimento che è l’art. 16 del d.l. 18.10.2012, n. 179, convertito con modificazioni dalla l. 17.11.2012, n. 221.

Al di fuori del settore delle notificazioni, gli atti del processo penale sono ancora, necessariamente, cartacei e la strada verso il processo penale telematico è, allo stato attuale, un “lavoro in fase di realizzazione”, disciplinato, ma solo in parte ed ancora settorialmente, da fonti di normazione primaria e secondaria.

In tale quadro, il Ministero della Giustizia ha comunque informatizzato i registri di cancelleria, adottando come registro unico nazionale obbligatorio il SICP (Sistema Informativo della Cognizione Penale), composto a sua volta dai moduli RE.GE WEB (Registro Generale delle notizie di reato), SIRIS e dalla CONSOLLE DEL MAGISTRATO, che consente al magistrato di vedere, monitorare e controllare tutti i dati relativi al suo lavoro, ai suoi impegni ed alle sue scadenze.

IL SICP non è tuttavia l’unico sistema: vi sono anche il SIAMM (per le spese di giustizia e la gestione del personale), il SIES (Sistema Integrato Esecuzione Sorveglianza), il SIGMA (Sistema uffici minorili civile e penale), SNT (Sistema notifiche telematiche) il SIPPI (Sistema per le misure di prevenzione) destinato ad essere sostituito da S.I.T. M.P. (“Sistema Informativo Telematico delle Misure di Prevenzione”), oltre ai gestori documentali TIAP ed AUROR@

Molteplici sono poi gli applicativi informatici messi a disposizione dei magistrati e delle cancellerie, l’uso dei quali è in grado di assicurare una gestione del procedimento penale ed, in generale, del lavoro degli uffici giudiziari più efficiente ed efficace: il SICP, sotto questo profilo, si compone di una serie di sottosistemi quali il Portale delle notizie di reato (NDR), ATTI e DOCUMENTI, o GIADA 2, che ne sono la concreta espressione.

Ancora, il TIAP (Trattamento Informatico Atti Processuali) è un applicativo sviluppato dal Ministero della Giustizia per la gestione informatica del fascicolo con possibilità di integrare i contenuti nelle varie fasi processuali con atti e documenti.

Una interoperabilità che, se affiancata ad opportuni ed organici interventi normativi, consentirà di porre le prime basi per il superamento del processo cartaceo, assicurando così l’effettiva realizzazione del processo penale telematico.

La presente sottosezione intende fornire a tutti gli utenti una panoramica quanto più completa ed aggiornata dei contributi e dei materiali di studio che riguardano il processo penale telematico.

Un sistema di links reindirizzerà, poi, verso il sito istituzionale del Ministero della Giustizia ove poter raccogliere ulteriori informazioni, approfondimenti e materiali sull’argomento

In questa sottosezione sono riunite guide di facile consultazione per l’utilizzo dei principali applicativi e banche dati e strumenti di lavoro che possono essere di ausilio nello svolgimento quotidiano della professione.
 
La sottosezione sarà costantemente implementata da nuova documentazione ed aggiornata.
FDFormazione digitale
Card image cap
P20032
Il processo penale telematico
Il processo penale telematico

Scadenza: 09/12/2019

FDFormazione digitale
Card image cap
P20055
Tecnologie informatiche e telematiche e mezzi di ricerca della prova. I limiti posti dalla tutela della libertà, della privacy e dei diritti individuali
Tecnologie informatiche e telematiche e mezzi di ricerca della prova. I limiti posti dalla tutela della libertà, della privacy e

Scadenza: 09/12/2019

Filtra corsi

Applica Filtro