biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

Home

BANDI PER SCAMBI BREVI (ORDINARI, SPECIALIZZATI E PER CAPI DI UFFICI GIUDIZIARI), DI LUNGA DURATA E BILATERALI DELLA RETE EUROPEA DI FORMAZIONE GIUDIZIARIA (EJTN)

lding puzzle pieces resized

Prorogato a lunedì 16 dicembre il termine per la presentazione delle istanze di partecipazione al programma di scambi brevi e a lungo termine organizzati dalla Rete Europea di Formazione Giudiziaria.
Il termine per la presentazione delle domande di partecipazione a scambi bilaterali rimane, invece, fissato alle ore 13.00 del 9 gennaio 2020.
In calce il precedente avviso di pubblicazione.

 

 

 

La SSM partecipa alla Rete europea di formazione giudiziaria quale membro effettivo nonché componente elettivo del comitato di pilotaggio. Grazie al ruolo attivo della Scuola, 312 magistrati italiani hanno preso parte ad attività di formazione rientranti nel Programma Scambi 2018 della Rete. I “numeri” di partecipanti italiani, tra i più elevati nel contesto dell’intera Rete, sono stati raggiunti anche grazie all’inesauribile e prezioso lavoro svolto dalle strutture territoriali di formazione nell’organizzazione degli scambi di magistrati dell’Unione europea in Italia: nel 2018 sono stati ospitati dalle strutture territoriali di formazione ben 137 magistrati esteri.La Scuola pubblica oggi due bandi per scambi che si svolgeranno nel 2020.

Il primo bando (che può leggersi qui), per 155 (centocinquantacinque) posti complessivi, riguarda scambi di breve durata tra autorità giudiziarie (ordinari, specializzati e per capi di uffici giudiziari) e presso Scuole della magistratura (per formatori) nonché scambi di lunga durata presso Istituzioni europee (Eurojust, Corte europea dei diritti dell’uomo e Corte di giustizia dell’Unione europea).
La scadenza per la presentazione delle domande è stata fissata dalla Rete al 9 dicembre 2019. Le domande dovranno essere inoltrate direttamente alla Rete europea di formazione giudiziaria tramite un modulo online. Si consiglia di non utilizzare la procedura nei giorni prossimi alla scadenza, essendo prevedibili sovraccarichi del sito e possibili disservizi.
Il secondo bando (che puo’ leggersi qui) riguarda gli scambi tra uffici giudiziari (scambi “bilaterali”). In questo caso le domande dovranno essere presentate direttamente alla SSM con invio all’indirizzo di posta elettronica internazionale@scuolamagistratura.it entro e non oltre le ore 13.00 del 9 gennaio 2020. ​

SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA PROGRAMMA 2020 DI FORMAZIONE PERMANENTE AVVISO URGENTE

logo

Il Comitato direttivo della Scuola, prendendo atto del flusso di richieste di ammissione ai corsi della formazione permanente programmati per il 2020, e delle segnalazioni riguardanti difficoltà di registrazione e di formulazione delle domande presso il sito istituzionale, ha deliberato una proroga del relativo termine ultimo, che verrà dunque a scadenza alle ore 24.00 del 12 dicembre 2019.
Il Comitato ricorda a tutti gli interessati che ciascun magistrato può formulare richiesta di ammissione a quattro corsi, e che la domanda concernente le iniziative a selezione separata (riconversione, corsi ad oggetto da definire, ecc.) potrà essere avanzata indipendentemente dalle richieste proposte in risposta al presente bando generale. Si ribadisce che le “incompatibilità” concernenti specifici corsi, in relazione alle ammissioni concernenti corsi analoghi precedenti, non escludono la possibilità di partecipare alle iniziative di nuova programmazione, implicando solo la postergazione rispetto agli altri richiedenti. Si ribadisce anche che i MOT nominati con d.m. del 2019 – i quali risulteranno esclusi dai corsi della formazione iniziale del 2020 – saranno ammessi in via straordinaria a corsi della formazione permanente a seguito di domanda da presentare individualmente dopo l’assunzione delle funzioni. Lo stesso vale per magistrati onorari cui le funzioni siano conferire con decorrenza a partire dal 1° gennaio 2020.
Con l’occasione si sottolinea nuovamente l’importanza dell’aggiornamento del profilo di ciascun interessato, poiché i dati relativi saranno utilizzati per la formazione delle graduatorie secondo i criteri di selezione funzionale o, ad esempio, in base alle competenze linguistiche. Si avverte inoltre che, a seguito delle segnalazioni degli utenti, sono state corrette alcune imprecisioni concernenti la datazione o l’orario di apertura di singoli corsi.
Il Comitato prega infine tutti gli interessati di procedere appena possibile alla formulazione delle proprie richieste, poiché un traffico eccessivo in contemporanea potrebbe creare problemi di gestione del sito istituzionale (in fase di profonda innovazione) e non sarà possibile, d’altra parte, alcuna ulteriore proroga del termine.
Con gli auguri più cordiali, da parte del Comitato, di buon lavoro e di serene Festività.

Corsi di formazione per i magistrati che aspirano al conferimento degli incarichi direttivi di I e II grado - anno 2019

logoSi comunica che nella sezione "Area Riservata", sotto la voce "Area File Personali", visibile dopo aver inserito le credenziali di accesso, sono stati inseriti gli elementi di valutazione previsti dall'art.26 bis del Decreto Legislativo 30 gennaio 2006 n. 26 di ciascun magistrato che ha partecipato ai corsi di formazione per aspiranti dirigenti (DIR19005) che si è svolto dal 21 al 24 ottobre 2019 (già trasmessi al Consiglio Superiore della Magistratura).

FORMAZIONE PERMANENTE – PROGRAMMA 2020

logoLa Scuola Superiore della Magistratura è lieta di presentare ai Magistrati italiani il programma delle attività di formazione permanente per l’anno 2020.

Il programma prevede 103 corsi centrali e 16 corsi territoriali, per un totale di 119 iniziative di rilievo nazionale nel campo della formazione continua, conservando quindi livelli quantitativi idonei ad assicurare la frequentazione di almeno un corso per l’assoluta maggioranza degli interessati.
In particolare, il programma ordinario garantisce fin d’ora 7.909 posti per i magistrati ordinari, e 818 per i magistrati onorari. Ai corsi ordinari parteciperanno anche numerosi magistrati stranieri, cittadini di Stati dell’Unione, posto che 39 iniziative, comprese nel programma ordinario, sono state accreditate presso la Rete europea di formazione giudiziaria, con inserimento di tre di esse nel Catalogo plus. È rimarchevole anche il numero dei posti messi a disposizione degli avvocati e dei funzionari amministrativi, oltreché, secondo tradizione, di magistrati di altre giurisdizioni nazionali.

Come al solito, si tratta di numeri destinati ad un cospicuo incremento, per diversi ordini di ragioni (ed al netto della programmazione straordinaria, che da tempo caratterizza l’offerta complessiva della Scuola).
Anzitutto, un numero elevato di magistrati sarà ammesso ai corsi territoriali per mezzo di bandi diramati e gestiti a cura delle Strutture decentrate di formazione, cui è demandata la selezione dei partecipanti che operano nel distretto di loro competenza (mentre quelli di altri distretti dovranno partecipare alla procedura generale di ammissione).
Per altro verso è opportuno segnalare come, quest’anno, siano particolarmente numerosi i corsi al momento esclusi dalla selezione generale, per i quali sarà pubblicato un apposito bando, e per i quali dunque non potranno essere formulate richieste in questa fase.
Alle ragioni tradizionali si aggiunge infatti quella dell’imminente ed integrale rinnovamento del Comitato direttivo della Scuola. Come in precedenza, il “cambio di gestione” non interverrà in tempo utile per consentire ai nuovi Responsabili della formazione la programmazione dell’anno formativo durante il quale si insedieranno. Nondimeno, i Responsabili uscenti hanno ritenuto di riservare ai successori (in termini di spazio temporale e di supporto logistico) l’individuazione di cinque corsi ordinari presso la sede istituzionale di Scandicci, il cui oggetto potrà essere liberamente stabilito, in avvio dell’anno, dal nuovo Comitato, trattandosi di iniziative collocate nel secondo semestre dell’anno stesso.
Insomma, ed in sintesi, saranno esclusi dalla selezione originaria i corsi ad oggetto da definire, nonché, per le usuali ed ormai note ragioni, i corsi di riconversione ed i corsi replicati. A tutte queste iniziative gli interessati potranno accedere, rispondendo allo specifico interpello, quale che sia il numero delle ammissioni richieste nella sede presente.

La maggior parte dei corsi centrali sarà tenuta nella sede istituzionale di Villa Castelpulci, a suo tempo individuata per tale scopo (come previsto dalla legge) mediante un decreto interministeriale. Una parte cospicua del programma, nondimeno, si caratterizza per l’allocazione di corsi presso altre sedi (poste a Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma e Siracusa), prevalentemente in ragione del concorso di altre Istituzioni nella programmazione e nell’organizzazione dei corsi medesimi.

Si ricorda che ogni magistrato, ordinario od onorario, potrà richiedere fino ad un massimo di quattro corsi ordinari, centrali o territoriali a rilevanza nazionale.
La richiesta non è consentita ai magistrati in tirocinio nominati con decreto ministeriale del 2019, la gran parte dei quali, nel corso del 2020, parteciperà a corsi della formazione iniziale. Coloro che si trovassero, per una qualunque ragione, a non aver frequentato alcuno dei corsi di formazione iniziale appena citati, potranno presentare domanda di ammissione straordinaria ad un corso della formazione permanente.

Le domande di ammissione potranno essere presentate, esclusivamente per via telematica presso il sito istituzionale della Scuola, entro le ore 24.00 del 9 dicembre 2019. Si raccomanda agli utenti una particolare attenzione nell’indicazione delle funzioni assegnate, necessaria per una corretta formazione delle graduatorie e per un maggiore affinamento dei programmi di dettaglio. Si raccomanda inoltre di evitare, nella misura del possibile, l’affollamento degli accessi al sito nelle ore e nei giorni finali del termine a disposizione.
Le graduatorie (e dunque le conseguenti ammissioni) saranno pubblicate entro il 22 dicembre 2019, e contestualmente saranno fornite informazioni logistiche per la partecipazione ai primi corsi del nuovo anno.

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO STRAORDINARIO "Accesso alla procedura di asilo e diritto ad un rimedio effettivo tra diritto interno e prospettive internazionali” (FPFP19007)

logo

Comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura, in conformità con quanto annunciato nella presentazione del programma di formazione permanente per l’anno 2019, ha deliberato di procedere alla organizzazione di un corso straordinario su"Accesso alla procedura di asilo e diritto ad un rimedio effettivo tra diritto interno e prospettive internazionali”.

Il corso, organizzato in collaborazione con la Scuola superiore Sant’Anna di Pisa e destinato principalmente ai giudici della protezione internazionale, sarà tenuto dal 3 dicembre 2019 (ore 15) al 5 dicembre 2019 (ore 13)a Pisa, presso la sede della Scuola superiore Sant’Anna.

Il programma provvisorio del corso può essere letto qui.

La partecipazione è riservata ad un massimo di 50 magistrati ordinari, con precedenza per i giudici appartenenti alle Sezioni specializzate su immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione nell'Unione Europea. In caso di eccedenza del numero delle richieste di ammissione, le graduatorie saranno compilate, ferma la preferenza citata, in base agli ordinari fattori di ordinamento.

I magistrati ammessi riceveranno apposita comunicazione, e con essa le istruzioni per gli adempimenti successivi. La graduatoria sarà comunque pubblicata sul sito istituzionale.
Gli interessati potranno formulare domanda di partecipazione, con le ordinarie modalità telematiche, entro le ore 24 del 14 ottobre 2019.

Informazioni Logistiche

BANDO PER L’AMMISSIONE AL CORSO STRAORDINARIO T19019 (Il codice di procedura penale a trent’anni dall’entrata in vigore: bilancio e prospettive)

logoSu proposta della Struttura decentrata di formazione presso la Corte suprema di cassazione, ed in collaborazione con essa, la Scuola superiore ha deliberato di istituire un corso straordinario che, in occasione del trentennale dell’entrata in vigore del vigente codice di procedura penale, valga a tracciare un bilancio dell’esperienza applicativa e, se del caso, ad individuare prospettive di soluzione per i molti problemi sul tappeto.

Il corso avrà luogo a Roma, presso la sede della Corte suprema di cassazione, fra il 4 dicembre 2019 ed il 6 dicembre 2019.

Le ammissioni dei magistrati che prestano servizio nel distretto di Roma o presso la Corte di cassazione saranno regolate e disposte dalla Struttura decentrata che partecipa all’organizzazione del corso, con apposita procedura di interpello.

Ai magistrati ordinari di distretti diversi da quello di Roma sono riservati 60 posti in totale. In caso di eccedenza delle domande rispetto al numero dei posti disponibili saranno utilizzati, per la formazione della graduatoria, i comuni criteri di ordinamento, con la precisazione che sarà comunque garantita la presenza di 25 magistrati con funzioni inquirenti e 35 magistrati con funzioni giudicanti penali. Al corso saranno anche ammessi dieci avvocati operanti fuori dal Foro di Roma, selezionati a cura del Consiglio nazionale forense.

Le domande di ammissione dovranno essere proposte con le ordinarie modalità telematiche entro il 10 novembre 2019. Come detto, i magistrati del distretto di Roma e quelli della Suprema Corte non potranno accedere alla selezione nazionale. Gli ammessi riceveranno comunicazione individuale del provvedimento, e non dovranno dare ulteriore conferma della propria partecipazione. Coloro i quali dovessero invece rinunciare alla partecipazione dopo il provvedimento di ammissione dovranno darne espressa e tempestiva comunicazione alla Scuola, ferme restando le vigenti disposizioni di contabilità. La graduatoria sarà comunque pubblicata sul sito istituzionale.

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO STRAORDINARIO - "Le disposizioni penali in materia di neofascismo, negazionismo e crimini d’odio”. (FPFP19004)

logoIl Comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura, nell’ambito della programmazione mirata ad una regolazione dell’offerta formativa anche in rapporto all’attualità dei fenomeni di rilevanza giudiziaria, ha deliberato di procedere alla organizzazione di un corso straordinario su Le disposizioni penali in materia di neofascismo, negazionismo e crimini d’odio.

Il corso sarà tenuto dal 20 novembre 2019 (ore 15) al 22 novembre 2019 (ore 13), presso la sede della Scuola in Villa Castelpulci di Scandicci.
La Scuola ammetterà complessivamente 72 magistrati professionali con funzioni penali, riservando 36 posti a magistrati del pubblico ministero e 36 a magistrati giudicanti. Saranno ammessi inoltre 12 magistrati onorari con funzioni penali e 6 avvocati (da selezionare questi ultimi a cura del Consiglio Nazionale Forense). Le graduatorie riguardanti i magistrati saranno compilate in base agli ordinari fattori di ordinamento. In caso di eccedenza delle domande rispetto ai posti disponibili, nell’ambito di ciascuna delle tre categorie interessate, saranno posposti ad ogni altro richiedente coloro che risultino essere stati ammessi al corso P18074.

I magistrati ammessi riceveranno apposita comunicazione, e con essa le istruzioni per gli adempimenti successivi. La graduatoria sarà comunque pubblicata sul sito istituzionale.
Gli interessati potranno formulare domanda di partecipazione con le ordinarie modalità telematiche, entro le ore 24 del 1 ottobre 2019.

Per la consultazione della graduatoria clicca qui

Per il programma del corso clicca qui

Per il materiale del corso clicca qui

 

LINEE GUIDA GENERALI PER I PROGRAMMI DEI CORSI DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI CRISI DI IMPRESA E DELL'INSOLVENZA

logoIl Comitato direttivo della Scuola superiore della magistratura ha approvato le linee guida generali (art. 356, co. 2, quinto periodo, C.C.I.I.).

 Per le linee guida clicca qui LInee Guida

IL PRESIDENTE MATTARELLA ALL'APERTURA DEL CORSO STRAORDINARIO "LE GARANZIE ISTITUZIONALI DI INDIPENDENZA DELLA MAGISTRATURA IN ITALIA"

logo

Martedì 5 novembre, alle ore 16.30, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, si apriranno i lavori del corso straordinario “Le garanzie istituzionali di indipendenza della magistratura in Italia”, organizzato dalla Scuola superiore della magistratura.
In programma dal 5 al 7 novembre presso Palazzo Koch, sede della Banca d’Italia, il corso inizierà con un indirizzo di saluto del Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, del Vice Presidente del Consiglio superiore della magistratura, David Ermini, del Ministro della giustizia, Alfonso Bonafede, cui seguirà l’introduzione ai lavori del Presidente della Scuola, Gaetano Silvestri.
Tra i presenti alla seduta inaugurale, il Vice Presidente del Senato, Anna Rossomando, il Presidente della Corte costituzionale, Giorgio Lattanzi, e il Primo presidente della Corte di cassazione, Giovanni Mammone.

Programma del corso

Discorso del Presidente della Ssm Gaetano Silvestri

   

 

Altri articoli...

Pagina 1 di 5

Go to top